Crea sito

Milano verso l’Expo 2015: girare in carrozzina elettrica è un’avventura

Milano verso l’Expo 2015: girare in carrozzina elettrica è un’avventura

Circa un anno fa ho fatto un giro a Milano con una mia amica giornalista e un mio amico, la mia amica ha girato con la sua videocamera per provare le barriere architettoniche.

Siamo partiti da casa mia e abbiamo fatto il giro sulla via Lorenteggio verso piazza Bolivar, ha notato pure lei le difficoltà di alcuni marciapiedi come per esempio quello di via Redaelli che linko qui.

Abbiamo preso l’autobus 50 con l’obbiettivo di arrivare al capolinea di piazza Cairoli e prendere la metropolitana verde, di seguito raggiungere la Stazione Centrale di Milano e tornare indietro.

Siamo scesi in Cairoli e abbiamo subito notato che l’attraversamento con Largo Maria Callas non ha lo scivolo e ho dovuto scendere ad un passo carrabile d’avanti Teatro Dal Verme e raggiungere l’altro marciapiede in via San Giovanni Sul Muro.

Li siamo arrivati in via Dante e abbiamo attraversato verso il Castello Sforzesco. Visto che non si capiva dove era l’ingresso della metro e visto che in piazza Cairoli non c’erano le strisce pedonali e gli scivoli per l’attraversamento in carrozzina, ho deciso di aspettare che il mio amico e la giornalista cercavano l’ingresso dove era posizionato il montascale. Una volta trovato, che per la cronaca in via Foro Bonaparte vicino via Beltrami, ci siamo ricongiunti. Abbiamo citofonato e abbiamo scoperto che il montascale non funzionava. Quindi , rammaricati ma non abbattuti, abbiamo deciso di prendere la metropolitana in Duomo e di arrivare in Stazione Centrale. Il cartello blu che indica l’ingresso con il montascale in metropolitana è troppo piccolo e non si vede se non lo ci trova d’avanti, suggerisco ad ATM di mettere in maggior evidenza l’ingresso con il montascale o con l’ascensore di tutte le stazioni. Per esempio un cartello blu con il disegnino del montascale della stessa dimensione del cartello con la M bianca su sfondo rosso che indica le scale.

Arrivati in piazza Duomo abbiamo preso la Metropolitana gialla linea 3. In piazza Duomo l’ingresso all’ascensore è posto vicino alla farmacia, guardando il Duomo sulla sinistra. Anche in questo caso le indicazioni sulla presenza dell’ascensore è praticamente nullo, o lo sai o chiedi a qualcuno.
Anche in questo caso suggerisco ad ATM di mettere in ottima evidenza l’ascensore per persone con disabilità o mamme con carrozzina perchè così l’ascensore è nascosta. Gli ascensori in pizza Duomo erano tutti funzionanti quel giorno, ma il problema si è presentato quando sono dovuto salire sul convoglio perché la distanza, in altezza, tra la banchina e il treno era superiore ai 3cm e la carrozzina si è bloccata. Il mio amico mi ha dato una spinta decisa per entrare. Per fortuna che avevo chiesto a questo mio amico di accompagnarmi perché avevo pensato la giornalista o riprendeva oppure mi aiutava in caso di barriere architettoniche e comunque, non era detto, che riusciva ad aiutarmi come in questo caso. Infatti dubito che una donna riesca a spingere una carrozzina elettrica con il sottoscritto sopra il cui peso complessivo è di circa 160Kg.

Problemi a scendere dalla metropolitana in Stazione Centrale non ne abbiamo avuti anche perché a scendere da un convoglio è più facile che salire, infatti quando abbiamo ripreso la metropolitana per tornare a casa, li ho riscontrato il medesimo problema della fermata di piazza Duomo, descritta precedentemente. Usciti alla zona della metropolitana gialla si entra nella metropolitana verde linea 2. Anche ci siamo dovuti dividere per cercare l’ubicazione del montascale per uscire in strada. Anche in questo caso suggerisco ATM di mettere delle indicazioni chiare sull’uscita per le persone in carrozzina elettrica. Ci siamo trovati dopo parecchi minuti con finalmente la mappa del tesoro: l’uscita.

O meglio non l’uscita, ma l’ubicazione del montascale che in Stazione Centrale che è lento, rumoroso e fastidioso. Questo video è di Maximiliano Ulivieri che ha avuto la prontezza di spirito di riprendere che io non ho avuto. Bene, come potete notare dal video e dalle considerazioni di Max, se dobbiamo organizzare Expo 2015 con questi strumenti antiquati è meglio che ci prepariamo a fare una magra figura di fronte al mondo.

Pensavamo di tornare a casa con il filobus 91 ma mi sono ricordato che il marciapiede non era accessibile, non c’è lo scivolo per salire sopra. Per cui abbiamo ripreso la metropolitana in Stazione Centrale verso Duomo con i medesimo montascale lento, obsoleto e rumoroso.

Li ho scoperto che il problema si era presentato in piazza Duomo per entrare nel convoglio c’era anche qui ovvero un dislivello in altezza, tra la banchina e il treno era superiore ai 3cm e la carrozzina si è bloccata. Anche in questo caso, il mio amico mi ha spinto fortemente dentro al convoglio e sono entrato, ha dovuto spingere ancora 16Kg. In piazza Duomo siamo, mi sono spaventato perché sono sceso di schiena quasi mi ribaltavo in quanto il gradino che si forma tra il treno e la banchina era molto alto, uffa che paura.

Eravamo stanchi tutti e tre, abbiamo deciso di prendere il 14 per arrivare a casa mia, nessuno dei tre aveva voglia di andare a prendere la 50 in piazza Cairoli. Siamo scesi alla fermata di Brunelleschi e pochi minuti dopo io ero arrivato, ma il mio amico e la giornalista avevano ancora un bel pezzo di strada da fare per tornare a casa loro.

Siamo arrivati, o meglio, io sono arrivato a casa ma tutti e tre abbiamo incontrato le seguenti difficoltà:

  • Marciapiedi non a norma (via Radaelli).
  • Nessun attraversamento per le carrozzine in foro Bonaparte verso piazza Cairoli.
  • Nessun attraversamento per le carrozzine in tutta piazza Cairoli ad esclusione di via Dante e di via Campiero.
  • Segnali assenti o poco visibili per l’ingresso in metropolitana in piazza Cairoli.
  • Montascale non funzionante in piazza Cairoli
  • Segnali assenti o poco visibili per l’ingresso in metropolitana in piazza Duomo.
  • Dislivello della banchina superiore ai 3cm sulla fermata della linea gialla M3 in piazza Duomo verso la Stazione Centrale di Milano.
  • Dislivello della banchina superiore ai 3cm sulla fermata della linea gialla M3 in Stazione Centrale di Milano venendo da pizza Duomo.
  • Nessuna segnaletica in metropolitana che indichi l’uscita in strada per le persone in carrozzina.
  • Dislivello della banchina superiore ai 3cm sulla fermata della linea gialla M3 in Stazione Centrale verso piazza Duomo.
  • Dislivello della banchina superiore ai 3cm sulla fermata della linea gialla M3 in pizza Duomo provenendo da Stazione Centrale di Milano.
  • Montascale obsoleto, lento e rumoroso in Stazione Centrale di Milano.

Questa è Milano che spero sia pronta per l’Expo 2025 ops 2015 ma mancano poco meno di due anni, ce la faremo?

Comments are closed.