Corsie Gialle e ZTL

Corsie Gialle e ZTL

La nuova applicazione Corsie Gialle sveltisce la procedura per richiedere il permesso di accesso in zone ZTL per gli automobilisti dotati di contrassegno per disabili

Noi tutti sappiamo quanto fastidioso sia girare in automobile per una città con la paura di entrare erronemente, e senza permesso, nelle zone a traffico limitato (ZTL) o transitare all’interno delle linee gialle, riservate al transito degli autobus.

ZTL E CONTRASSEGNO DISABILI – Come abbiamo spiegato in articoli precedenti, gli automobilisti con disabilità dotati di tagliando blu hanno il diritto di circolare:

  • nelle zone a traffico limitato
  • sulle corsie riservate ad autobus e taxi
  • nelle aree pedonali, purchè siano autorizzate all’accesso altre categorie di veicoli, in particolare quelli per l’espletamento di servizi di trasporto pubblico.
  • in caso di blocco, sospensione o limitazione della circolazione per motivi di sicurezza pubblica, di pubblico interesse e anti-inquinamento, ad esempio in occasione di domeniche ecologiche o targhe alterne.

COSA VA COMUNICATO – La fruizione di questi diritti non è però né immediata né semplice, è infatti necessatio comunicare agli uffici competenti del comune di competenza, attraverso fax o posta elettronica, l’intenzione di circolare in quell’area, trasmettendo: i dati della targa del mezzo da utilizzare, il giorno e la fascia oraria in cui si intende circolare e copia dei documenti specificirichiesti dal comune di riferimento.
Questa annosa procedura spesso disincentiva la circolazione in quelle aree dei possessori di tagliando blu, oggi però, grazie alle nuove tecnologie e alla multifunzionalità degli smartphone è possibile velocizzare la procedura e godere a pieno dei propri diritti.

icona dell'applicazione corsie gialle, disegno di un'auto rossa su una strada stilizzata

LA APP CORSIE GIALLE  – E’ infatti nata da poco una nuova app Android, chiamata Corsie Gialle, che si aggiunge ad altre già presenti sul mercato, acquistabile ad un prezzo irrisorio attraverso Google Play Store, che permette con pochi click di inviare agli uffici preposti un’email preimpostata contenente tutti i dati utili ad far valere il proprio diritto di circolare.

TUTTO IN UN CLICK – L’applicazione permette di inserire dati come: comune, data di transito, inizio e fine del transito e targa del veicolo, che tra l’altro viene memorizzata dopo il primo inserimento. Attraverso pochi passaggi si possono poi allegare le immagini dei documenti richiesti dal comune interessato (che il richiedente deve avere a disposizione nel suo smartphone). Dopo aver terminato la veloce procedura di compilazione viene generata automaticamente un’email che sarà possibile inviare attraverso la propria app di posta elettronica preferita.

Screen shots delle schermate dell'app Corsie Gialle su smartphone

Applicazioni come questa permettono di sveltire il processo per richiedere l’accesso in aree ZTL in quanto non richiedono l’utilizzo di computer o fax, rendono il procedimento molto più snello in quanto bastano pochi click dal proprio smartphone, device che generalmente portiamo sempre con noi e che ormai è di utilizzo comune per la stragrande maggioranza di noi.

Qui una veloce demo di “corsie gialle”:

Per info:
http://www.corsiegialle.it/

In disabili.com

Parcheggi, Ztl, mobilità: nuove tecnologie a servizio dei disabili

Speciale app per la mobilità

Commento personale

ho scaricato questa applicazione su smartphone Android e questa è la recensione di una prova sul campo:

Di per sè l’idea è molto buona ma ha parecchi limiti. In primis non ci sono tutti i comuni italiani per esempio non è presente Sestri Levante, non è presente Varazze, sono presenti i maggiori comuni di provincia. Questo è un grosso limite perché ogni comune anche piccolo fa le proprie scelte su come ricevere la documentazione Ztl. Capisco e comprendo che ogni comune fa un po’ quello che vuole ma almeno mettere la lista di tutti i Comuni con la relativa mail sarebbe già un passo avanti. Il secondo punto che non mi è assolutamente piaciuto nasce dal fatto che si può allegare un documento solo alla volta. Io per esempio tre file di cui due PDF è un punto JPEG. Il primo PDF il documento d’identità mentre il secondo PDF è il pass disabili fronte retro. Il jpeg è invece la scansione del libretto di circolazione. Questa applicazione permette di inviare un solo allegato perché qualora se ne allegasse più di uno l’icona allega file in basso nella seconda pagina sparisce. Considerando che ogni comune fa un po’ quello che vuole sarebbe opportuno che quell’icona rimanesse in modo da allegare più documenti a seconda di quello che chiede ogni comune. Secondo me dovrebbe essere implementata anche mettendo la lista dei documenti che vuole ogni singolo comune in questo modo è un vero servizio invece così è proprio molto precario ed quasi inutile. Posso capire un’applicazione fatta in questo modo e si scarica gratis dal Play Store ma qui costa poco meno di €5, che di per sé non sono tantissimi, ma comunque non dà un servizio per un’applicazione a pagamento.. Ripeto l’idea è molto buona e mi rendo conto della difficoltà di realizzare un’applicazione del genere visto che la competenza comunale tuttavia almeno inserire la lista dei Comuni e inserire più di un allegato migliorerebbe certamente la situazione.

 

fonte: https://www.disabili.com/mobilita-auto/articoli-mobilita-a-auto/accedere-in-ztl-con-contrassegno-disabili-bastano-pochi-click